Blaptica Dubia
Nome Coune: Blatta della Guyana
Viewed 13074 times by 4770 visitors
Classification (simple)
Family: Blaberidae
Sub-fam: Blaberinae
Genus: Blaptica
Blaptica dubia

Fughe
Rirpoduzione
Climber/Non Climber
Temps °
Dimensioni
Area geografica

escapes
breeding
climb
temps
escapes
location

Caratteristiche

La blatta argentina e’ una specie che si sta diffondendo rapidamente tra gli appassionati di rettili per la facilita’ nell’allevamento, la una buona velocita’ di riproduzione e resistenza ed all’incapacita’ di arrampicarsi su superfici lisce.

Con un esoscheletro non particolarmente coriaceo, specialmente nelle giovani ninfe, tenero e facilmente digeribile, rende appetibile questa blatta a molti animali. Con un rapporto tra parti dure e molli basso specie nelle femmine e negli individue giovani questo insetto si propone come ottima alternativa ai grilli ed alle tarme della farina per l’alimentazione dei nostri amici squamati e non, ricordo infatti che anche chi alleva uccelli insettivori trovera’ nelle blatte un eccelente addizione alimentare.

Un piccolo allevamento, facilmente circoscrivibile in un contenitore di plastica capiente, ci rendera’ indipendenti dalla disponibilita’, a volte limitata, da parte dei negozianti di prede vive e nonche’ un risparmio economicamente, quindi un investimento per il futuro.

Le dimensioni della blatta argentina come adulto si mantengono tra i 4,5 ed i 5 cm con i maschi di poco piu’ piccoli e snelli rispetto alle femmine quest’ultime piu’ "formose", mentre le giovani ninfe hanno dimensioni a partire dai 5 millimetri, quindi con una varieta’ di taglie utili a coprire diverse esigenze.

La sessazione di queste blatte e’ estremamente facile, i maschi sono dotati di ali mentre le femmine ne sono prive.

Attenzione!

Alcune note per chi volesse iniziare un allevamento di Blaptica dubia vanno messe in evidenza.

Questi insetti sono in grado di emettere delle sostanze odorose (terpeni) che alcuni possono trovare sgradevoli. Rispetto ad altri insetti comunque l’odore e’ tollerabile o nullo. Un buon grado di igiene del contenitore, rimuovendo gli individui morti, e’ fondamentale per abbatere ulteriori odori indesiderati.

Questi terpeni possono creare una iniziale diffidenza da parte di alcuni rettili la prima volta si cibano di blatte, diffidenza che spesso verra’ superata con successive offerte.

La seconda nota invece e’ indirizzata direttamente verso di noi e non deve essere presa con leggerezza.

Queste blatte possono causare allergie. Gli allergeni si trovano nello strato di deiezioni accumulate sul fondo del contenitore. Il sottoscritto (ma anche altri allevatori) ha infatti sviluppato un’allergia a questa blatta non direttamente nel maneggiare gli insetti ma durante le procedure di pulizia dei contenitori rendendo quest’ultime quasi impraticabili.

Thursday May 25th 2006, 6:39 pm Filed under: Blatte,Insects
Comments Off